Spirits

Whisky… qualcosa è cambiato- the Cybartender

Businness insider Italia ci dice che in una selezione di due esperte, in una classifica da loro stilata, solo uno scozzese nella top ten. Ovviamente , come ogni classifica, è abbastanza opinabile.

whysky girl

Heather Greene, la prima delle due esperte in questione, è nel settore del whisky da quasi 20 anni ed è l’autrice del libro “Whiskey Distilled: A Populist Guide to the Water of Life“. Il suo primo impiego la vede in Scozia come ambasciatrice della Glenfiddich Distillery, e successivamente la toviamo a studiarela produzione di whisky in Giappone. Ora è CEO di Milam & Greene, una distilleria di whisky a Blanco, in Texas, dopo varie esperienze in vari whisky bar a New York

Susan Reigler è un critico gastronomico, che teneva rubrica settimanale sugli alcolici nel Louisville Courier Journal negli anni ’90 “prima che il bourbon diventasse di nuovo davvero cool” . Autrice di vari libri sul whisky degli Stati Uniti e sul bourbon.

botti di whisky

Puoi bere whisky come preferisci

“Puoi bere whisky come preferisci, liscio, con ghiaccio o in un cocktail classico come l’Old Fashion o il Manhattan. Se preferisci il sapore affumicato, potresti provare uno scozzese torbato o di segale più speziato; se vuoi qualcosa di più dolce, scegli un bourbon americano con più note di agrumi e vaniglia” Queste le parole di Heather Greene, che dic che non esistono regole per bere whisky, distillato che, negli Stati Uniti, si sta allontanando dall’immagine stereotipata del “cowboy” rude, per cercare un immagine più facile, che possa avvicinare anche i giovani

I 10 prescelti

Ciò che differenzia il whisky americano, è chedeve essere invecchiato in botti nuove di legno di quercia, ha un sapore di legno più vibrante e robusto che è leggermente di acero e dolce. Al contrario, gli whisky scozzesi, irlandesi e giapponesi sono in genere invecchiati in vecchie botti di rovere (spesso quelli utilizzati per la prima volta dai produttori di whisky americani), che possono renderli “più stagionati, sottili e morbidi.

bicchiere di whisky

Il bourbon (tra i cui ingredienti c’è il 51% di mais) tende ad essere più dolce e con sentori di caramello, il rye, quello di segale (che è per il 51% a base di segale) è più speziato ed erbaceo, e i whisky con un più alto contenuto di grano o di orzo sono più terrosi e con sentori di noci.

I 10 whisky scelti non sono presentati in un ordine particolare di preferenza. Ma vediamoli:

Old Forester whiskies

La distilleria del Kentucky Old Forester produce sia whisky di segale che di bourbon. L’originale Old Forester è uno dei preferiti di Reigler per la preparazione di cocktail. “Hanno iniziato a realizzarlo nel 1870, ed è molto caratteristico”, ha detto Reigler a Business Insider, “Ha note caramellate e sentori fruttati di banana e agrumi”.

Catoctin Creek Roundstone Rye Distiller’s Edition

Un’altra distilleria che Reigler raccomanda per la tipologia alla segale è Catoctin Creek, situata in Virginia. “La segale è generalmente un po’ più piccante e più a base di erbe del bourbon”, ha spiegato Reigler. “Pensa al profumo dell’erba di segale o dei semi di cumino. Hanno un carattere pepato e alcuni hanno anche molto caramello.”

Colkegan American Single Malt

Il single malt americano Colkagen è prodotto da Santa Fe Spirits nel New Mexico. “È un whisky single malt che è fatto con un mosto di orzo al 100% ed è affumicato con legno di mesquite, che gli conferisce un profilo aromatico e ricco di noci.

Westland Peated Single Malt

La Westland Distillery di Seattle, Washington, produce anche un single malt whisky raccomandato da Reigler. È un mix unico di orzi a cinque malti composto dall’originale Washington Select Pale Malt di Westland, dal Munich Malt, dal Extra Special Malt, dal Pale Chocolate Malt e dal Brown Malt. Questo single malt è anche un whisky “torbato, il che significa che il malto viene essiccato e affumicato su un fuoco di torba. Il suo profilo aromatico è descritto dalla distilleria come “muschio fumante, buccia d’arancia fiammata, platani arrostiti, fuoco da campo, iodio, pistacchi arrostiti ed erbe verdi”.

Johnny Drum Private Stock

Questo è un piccolo lotto, bourbon ‘straight’ (cioè invecchiato almeno tre anni) della Willett Distillery. “Ha una forte nota di zucchero di canna, un gusto molto morbido e rende favoloso un Old Fashioned”. Willett Distillery descrive anche questo bourbon come con sentori di “mela acida, vaniglia e quercia”.

whisky selection

E.H. Taylor Bottled in Bond

può essere difficile da trovare al di fuori del Kentucky. Raccomandato il Single Barrel per le persone che preferiscono un whisky più leggero. I sapori più importanti sono l’acero, il miele e il legno, con un tocco di spezie più scure e pepate. “Il bourbon è generalmente il lato più dolce degli whisky, proprio come il mais è più dolce della segale. Ottengono anche una piacevole dolcezza alla vaniglia dalle botti di legno di quercia carbonizzata”,

J. Henry & Sons Small Batch Bourbon, Patton Road Reserve, and Bellefontaine Reserve

J. Henry & Sons un’azienda agricola a conduzione familiare situata nel Wisconsin e utilizzano un unico “mash bill a 4 chicchi” per tutti i loro bourbon composti da “60% di mais Heirloom rosso, 14% di grano invernale Heirloom, 14% di Heirloom Spooner Rye e 12% di malto d’orzo. ”

Molti bourbon sono composti per oltre il 70% di mais, quindi finiti con segale, grano o malto d’orzo”, ha detto Reigler. Dato il contenuto di mais leggermente inferiore di J. Henry & Sons, questi bourbon hanno una piacevole dolcezza ben bilanciata dal grano ricco di noci e dalla segale speziata.

Glenmorangie Nectar D’Or

Greene raccomanda di provare i single malt prodotti da Glenmorangie. “Sono in giro da molto tempo e il loro alcol ha delle fantastiche finiture in legno, che si abbinano benissimo, adoro il Nectar D’Or, soprattutto con ghiaccio, durante l’estate e a primavera.”

Suntory Whiskey Toki

Per il whisky giapponese, Greene consiglia il Suntory Whisky Toki, che è un whisky molto leggero, di colore solare. La distilleria ne descrive il sapore con note di “mela verde, miele, pompelmo, timo, vaniglia, pepe bianco e zenzero

Red, Yellow, and Green Spot Irish

Per il whisky irlandese, Greene ha suggerito tre Whisky Spot realizzati da Irish Distillers che si presentano in diverse espressioni chiamate Red, Yellow e Green. Ogni espressione è maturata in modo diverso.Il whisky Green spot è prodotto in piccoli lotti in “una combinazione di botti di ex bourbon e sherry da sette a 10 anni”. Ha un sapore speziato al palato di chiodi di garofano, quercia tostata e mela verde fruttata. Il whisky Red Spot è maturato per più di 15 anni in botti di bourbon americano, botti di sherry spagnolo e botti di Marsala siciliano. Queste botti creano sapori più scuri tra cui frutta cotta, amarena, pepe rosso e nero e quercia.Il whisky Yellow Spot viene lasciato per almeno 12 anni in botti di bourbon usate, botti di sherry e di Malaga. Le botti di Malaga sono spesso usate per invecchiare lo sherry, che lascia note di “dolce miele, pesche e crema” in questa espressione

Non c’è modo giusto o sbagliato di godersi il whisky

“Con un whisky di alta qualità, consiglio di aggiungere un cubetto di ghiaccio o una spruzzata di acqua. È un mito popolare che questo rovini il bourbon, ha detto, ma in realtà rilascia più aromi perché toglie un po’ di calore”.

Mike Veach, esperto di bourbon, beve quello che chiama “bourbon del libro”. “Aggiunge un cubetto di ghiaccio al suo bourbon e lo lascia riposare. Prende il primo sorso, legge un capitolo di un libro, quindi prova un altro sorso e così via. Questo permette un’evoluzione dei sapori, per vedere come il bourbon cambi in correlazione a quando è stato aerato

starbarman ads